Einsteinturm. La Torre Einstein a Potsdam.

Einsteinturm. Z. Munizza

Aggiornamento Novembre 2023 all’articolo di Dicembre 2015

La Einsteinturm, la Torre di Einstein, piccolo gioiello d’architettura nascosto in un bellissimo parco a Potsdam. 

Un osservatorio astrofisico firmato dall’architetto tedesco Erich Mendelsohn nei primi anni ‘20, costruito con lo scopo di compiere verifiche empiriche sulla Teoria della Relatività generale, presentata da Albert Einstein all’Accademia Prussiana delle Scienze nel 1915, con cui vince nel ’21 il Premio Nobel.

La torre si trova all’interno del Parco di Ricerca Scientifica, sul pendio della Telegrafenberg, collina del Telegrafo, che con i suoi 94 metri di altezza domina la periferia di Potsdam, capitale del Brandeburgo.

Il disegno di Mendelsohn rappresenta una perfetta sintesi delle prime sperimentazioni dell’architettura moderna e del suo funzionalismo dinamico.

L’edificio, uno dei primi e più importanti progetti dell’architetto, supportato dal giovane assistente Richard Neutra, è caratterizzato da una forma fortemente plastica e scultorea che lo configura come l’oggetto più conosciuto della corrente Architettonica Espressionista.

Nonostante le ridotte dimensioni e la funzione prettamente tecnica, il disegno plastico dell’involucro rende la Einsteinturm un unicum dinamico. Le finestre sono scavate all’interno della massa muraria, e le anguste scale a chiocciola che portano al cuore dell’impianto, sono disegnate fin nei minimi dettagli. 

I piani originali prevedono una costruzione in cemento armato, “materiale del futuro” per eccellenza, realizzata però con una tecnica mista. Corpo centrale in muratura e anello della cupola in cemento, vista la complessità della forma e le difficoltà nel reperire materiali durante una crisi economica dilagante.

L’armonia della composizione è data dall’intonacatura uniforme che regala l’impressione di un’unica colata di cemento.

Dettaglio.@Z.Munizza

“Organisch” è la prima impressione di Albert Einstein quando vede la torre. Aggettivo che risulta quasi profetico, collocando l’edificio tra gli illustri precedenti storici della corrente architettonica di qualche anno più tarda: l’Architettura Organica.

La Torre Einstein perde il suo nome e l’indipendenza istituzionale con l’avvento del nazionalsocialismo. Rimosse le foto dello scienziato e fuse le sculture. Il busto raffigurante il premio Nobel per la fisica, è ancora visibile grazie ai membri del personale che lo mettono in salvo, nascondendolo.

Gravemente danneggiata dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, rimane in uno stato che un famoso blog di architettura, definisce molto più in linea con i primi schizzi concettuali di Mendelsohn. 

La struttura viene completamente ripristinata nel ‘99 per il suo 75° anniversario. 

Ho avuto modo di accompagnare ospiti in visita più volte, prima dell’ultimo lungo restauro conservativo, che vede finalmente la fine.

Oggi il monumento protetto, svolge ancora l’originaria funzione di osservatorio presso l’Istituto di astrofisica di Potsdam, ed è nuovamente visitabile.

Una tappa assolutamente consigliata per chi desidera fare una gita a Potsdam e scoprire, accanto alle bellezze classicheggianti del castello di Sanssouci, questa notevole testimonianza architettonica. Se avete piacere a svolgere insieme il Tour alla scoperta della Potsdam nascosta, scrivetemi.

Einsteinturm 
Indirizzo: An der Sternwarte 16,
14482 Potsdam

Foto e ricerche a cura di ©Z. Munizza

Per prenotare un tour con Berlino Explorer scrivere a: berlinoexplorer@gmail.com
Per entrare nella Community di Explorer qui il link diretto per iscriversi alla Newsletter
Idea regalo: Buono per un Tour alla scoperta degli angoli nascosti di Berlino.

No Comments

Post A Comment