Funkhaus, centro creativo a Oberschöneweide.

Funkhaus Nalepastr ©Z. MunizzaStudi di registrazione e laboratori per artisti formano oggi il centro creativo all’interno della Funkhaus a Oberschöneweide, nei locali che hanno ospitato, dal ’56 al ’90, la sede della Rundfunk der DDR, la radio pubblica della Repubblica Democratica tedesca.

In origine, le trasmissioni radiofoniche della neonata Repubblica Democratica continuarono ad essere prodotte e diffuse dalla Haus des Rundfunks, l’imponente complesso destinato alla radiofonia operante a Berlino sin dal 1927; all’interno del settore britannico, in seguito alla divisione della città. Prima del trasferimento presso la sede in Nalepastrasse, dal ’47 le trasmissioni arriveranno dalla Stazione Radio di Grünau, all’interno di quella che era una grande rimessa per imbarcazioni della Repubblica di Weimar, che ospitò tra l’altro le gare degli sport acquatici durante le Olimpiadi del ’36.

Grünau divenne fondamentale nel supportare la “Der Deutsche Freiheitssender 904” (DFS 904) stazione radio di propaganda della DDR, che andava in onda da un trasmettitore segreto sui 904 kHz in onde medie.

Per la sede della nuova stazione radio si scelse un lotto di circa 135.000 mq a Oberschöneweide, affacciato sulla Sprea, su Nalepa strasse, strada dedicata all’imprenditore P. Nalepa che nel 1871 qui fondò una delle sue fabbriche per il trattamento dei tessuti a Berlino. E’ sulle ceneri di questo antico impianto industriale che l’architetto F. Ehrlich progetta il più grande studio di registrazione del mondo.

Il complesso della Funkhaus è distribuito, in base alle funzioni ricoperte, su quattro edifici collegati tra loro attraverso passerelle. Gli uffici della direzione e le redazioni ospitate nella torre di nove piani, collegati da infiniti corridoi dove si trovano tutt’ora, studi di registrazione e di trasmissione.

L’edificio dalla forma arcuata destinato ad ospitare gli studi principali, realizzato secondo il principio Haus in Haus, per il quale ogni studio è costruito con proprie fondazioni isolate rispetto all’edificio contenitore. La mancanza di vibrazioni permette di avere un’acustica perfetta che rende ancora oggi la struttura un capolavoro tecnico. All’interno del Blocco B abbiamo la Großer Sendesaal cuore dell’intero complesso ancora attiva. Gli studi della Funkhaus continuano ancora ad attirare artisti internazionali, orchestre e produttori musicali grazie alla qualità del suono e al tempo di riverbero ottimale.

La presenza di un edificio multifunzionale dotato di mensa, sala riunioni, ospedale, libreria e spaccio alimentare, concludono il  progetto rendendolo una vera e propria piccola città indipendente, con servizi per tutti gli operatori, che al momento della dismissione nel ’90 erano 3000. In seguito alla riunificazione della Germania le trasmissioni vengono interrotte, sospesi i servizi tecnici e di redazione, iniziano i problemi di gestione di un complesso così altamente strutturato e sotto tutela monumentale.

Il centro creativo prende forma negli edifici principali costruiti alla fine degli anni ’50. Studi di registrazione e artistici portano nuova vita, nella struttura abbandonata per anni con i suoi grandi spazi, dove il parquet in legno povero tipico del socialismo realista e gli orologi fermi, odorano ancora di DDR.

Sorte diversa tocca a quello che veniva chiamato Blocco E. Ampliamento degli anni ’60 costruito con la classica tecnica del plattenbauten, moduli in cemento pressato, per il quale è prevista la demolizione. L’edificio ben visibile dalla strada era dotato di insegne al neon,  il 3 ottobre del 1990 (giorno della riunificazione) viene rimossa in maniera teatrale e simbolica il logo della radio e le ultime due parole dell’insegna “Rundfunk der DDR

La sera del 2 ottobre 1990, alle 23:45, a mezzanotte il segnale orario della Deutschlandfunk marcò (senza enfasi) la sua fine.

E’ da questa interessante scenografia che parte il laboratorio fotografico organizzato da Berlino Explorer in collaborazione con il fotografo Davide Maione. FOTOLABOR, Natura e Cultura urbana, luogo perfetto dove poter riscontrare questo contrasto.

Foto e ricerche a cura di ©Z. Munizza. 

Per prenotare un tour con Berlino Explorer scrivere a: berlinoexplorer@gmail.com
Per entrare nella Community di Explorer qui il link diretto per iscriversi alla Newsletter
Idea regalo: Buono per un Tour alla scoperta degli angoli nascosti di Berlino.

2 Comments

Post A Comment