Müggelturm, la torre dell’est da cui si vede tutta Berlino.

Müggelturm ©S. CorsoLa Müggelturm, una delle mete preferite dai Berlinesi dell’est nei giorni assolati, assume il volto che oggi noi conosciamo solo nel ’61, dopo una tribolato passato segnato da incendi e ricostruzioni. La torre originale, una bellissima struttura in legno con tetto a pagoda cinese, risale al 1889, quando l’imprenditore Spindler proprietario della più grande tintoria di Berlino, nell’area di Köpenick, decide di aprire un ristorante panoramico, posto sul punto più alto della collina.

Oggi la torre svetta con i suoi 30 metri di vetro e cemento sulla collina di Müggel, più di 100 gradini portano alla piattaforma d’osservazione che si trova a ben 120 metri sopra il livello del mare, offrendo una vista panoramica che si estende sopra la foresta.

Nel ’45 perde la sua natura di luogo di intrattenimento, viene dichiarata oggetto militare ed utilizzata come torre radio, nell’aprile dello stesso anno, poco prima dell’avanzata dell’esercito sovietico, le autorità tedesche decidono di farla saltare in aria, la demolizione viene però impedita dal ristoratore W. Wichelhaus, il quale taglia i fili della carica esplosiva.

La struttura abbandonata cade in rovina fino a quando il Consiglio di Berlino Est decide di rimettere in sesto l’edificio ripristinando la terrazza panoramica e ampliando il ristorante, ma proprio durante i lavori di saldatura un grosso incendio distruggerà tutto.

E’ nel ’58, durante gli anni della ricostruzione della città, che il quotidiano tedesco Berliner Zeitung, indice un concorso di idee per la costruzione di un nuovo edificio sulla collina di Müggel. Tra i diversi progetti pervenuti, risulta vincitore della competizione quello presentato da un gruppo di studenti dell’Accademia di Arte di Weissensee.

Il progetto è orientato al linguaggio formale del modernismo, vanificando l’atteggiamento volutamente eclettico della versione originale. La Müggelturm con i suoi edifici adiacenti rappresenta un esempio di architettura moderna, in perfetto stile del classicismo socialista che domina l’architettura postbellica durante la DDR.

La nuova Müggelturm, fortemente sostenuta dall’impegno e dalla generosità degli abitanti, che contribuiscono con donazioni e ore di lavoro volontario, inaugura con grandi festeggiamenti a Capodanno del ’61, diventando uno dei monumenti più conosciuti di Berlino Est.

Abbandonata ancora una volta dopo la Wende, la svolta nell’89, la struttura ha urgente bisogno di lavori di ristrutturazione, lo Stato di Berlino, dopo aver inscritto l’edificio nella lista dei beni storico-architettonici, inizia un intenso lavoro di recupero nel ’96.

Non potendo più sostenere le spese, la società dei fondi statali mette in vendita l’intera area, inizia un lungo tira e molla tra proposte di investitori privati rifiutate e tentativi fallimentari di ripristinare le strutture fino al 2011 quando, durante i festeggiamenti del 50° anniversario di costruzione, il nuovo e attuale proprietario rende nota la volontà di investire capitale ed energie per dare nuova vita alla struttura, che per anni ha rappresentato un punto d’orgoglio per tutta Köpenick.

E’ ancora possibile godere dell’incantevole e sterminata veduta sui laghi e sullo skyline di Berlino, un punto di vista unico sulla città, in un luogo che conserva ancora una atmosfera da Ost Berlin.

Foto: © S. Corso  Ricerche a cura di ©Z. Munizza. 

Per prenotare un tour con Berlino Explorer scrivere a: berlinoexplorer@gmail.com
Per entrare nella Community di Explorer qui il link diretto per iscriversi alla Newsletter
Idea regalo: Buono per un Tour alla scoperta degli angoli nascosti di Berlino.

No Comments

Post A Comment