Soggiornare in un’ex campo di prigionia a Rummelsburg!

Rummelsburg. Z.MunizzaLa storia di Rummelsburg Bucht.

Lungo la riva nord-orientale di Rummelsburg, con l’entrata in vigore della legge prussiana sull’istruzione obbligatoria nel 1878, viene costruita nel parco del vicino orfanotrofio Friedrichs Waisenhaus, la casa lavoro, Städtische Arbeitshaus.

Si tratta di una delle più moderne e ampie strutture di questo tipo di tutta la Prussia.

La casa di lavoro nata per ospitare le classi sociali più basse: mendicanti, vagabondi e prostitute, rappresenta uno strumento di controllo molto forte per lo Stato, che attraverso attività educative informali raggiunge l’obiettivo di instradare i reclusi ad una vita regolare e laboriosa. I detenuti vengono inclusi come forza lavoro supplementare nella produzione e nel lavoro nelle fabbriche prussiane.

In un’ampia area di sette ettari, il commissario all’urbanistica H. Blankenstein, sviluppa un vero e proprio centro indipendente, con chiesa, infermeria e un impianto per la produzione di pane, accanto agli edifici atti ad ospitare fino a 900 persone tra uomini e donne.

Durante il Nazionalsocialismo l’impianto per il lavoro forzato comunale conserva la sua funzione, conosciuto come “campo di detenzione e lavori forzati di Berlin-Lichtenberg” dove vengono istituiti reparti speciali per omosessuali e soggetti mentalmente deviati.

Nel tristemente famoso giugno del ’38, più di 10.000 persone saranno deportate nei campi di concentramento, a causa del “comportamento anti-asociale”  uno dei  punti di partenza di questa operazione fu proprio la casa di lavoro di Rummelsburg.

Le strutture ricostruite dopo i danni dovuti ai bombardamenti, rimangono in uso anche dopo la divisione di Berlino come campo di lavoro forzato e prigioni dalla DDR.

I detenuti vengono impiegati nelle officine produttive di proprietà dello Stato che si trovavano intorno all’area delle prigioni, come la lavanderia industriale REWATEX o la fabbrica di apparati elettrici di Treptow.

Centinaia di prigionieri tedeschi dell’ovest condannati a lunghe pene detentive, rimangono in attesa di essere riscattati dal governo della Repubblica Federale Tedesca.

Alla fine dell’ottobre del ’90, a 3 settimane dalla riunificazione della Germania, la prigione chiude per sempre le sue porte. Ultimo illustre detenuto Erich Honecker, Segretario generale del Comitato Centrale del SED.

Nel 2007 la Wasserstadt GmbH vende l’area, e gli edifici delle antiche prigioni sono rimodellati per far spazio a 150 appartamenti di alta qualità, nasce il Berlin Campus.

Wir in Rummelsburg è l’associazione che sostiene la ricerca e la raccolta di documenti delle diverse epoche di tutta l’area di Rummelsburg, costruendo un ponte tra passato e presente.

Il centro informazioni si trova nell’edificio dell’antico Lazzaretto.

Per prenotare un tour con Berlino Explorer scrivere a: berlinoexplorer@gmail.com
Per entrare nella Community di Explorer qui il link diretto per iscriversi alla Newsletter
Idea regalo: Buono per un Tour alla scoperta degli angoli nascosti di Berlino.

No Comments

Post A Comment