Un nuovo tunnel da scoprire. AEG Tunnel

Un bellissimo percorso alla scoperta di uno dei vecchi tunnel della metropolitana inutilizzati da tempo. Grazie all’instancabile lavoro della associazione Berlin Unterwelten che si occupa di ricerca e documentazione degli edifici e delle infrastrutture sotterranee di Berlino.

Diversi sono i tratti della metro inutilizzati, come il progetto della U10 mai terminato, in questo caso parliamo invece del AEG Tunnel, con il quale ha inizio la storia del più importante mezzo di trasporto berlinese e che fa parte di un percorso di archeologia industriale.

La AEG, Allgemeine Elektricitäts Gesellschaft, Società Generale di Elettricità, fondata nel 1883, ha una delle più grandi sale macchine posizionate nell’area della Humboldthain in Voltastrasse, siamo nel quartiere di Wedding. Per collegare la sede con l’area produttiva in Ackerstraße, finanzia e scava un tunnel di lungo 300 metri, ad una profondità di 6,50.

Siamo a fine ‘800, l’impresa rappresenta un importante progetto vetrina, in feroce concorrenza con l’altra famosa società di ingegneria elettrica e tedesca, la Siemens. Materiali e operai possono spostarsi con trasporto elettrico, attraverso il tunnel, considerato a tutti gli effetti il primo tunnel della metropolitana in Germania.

Non svelo il resto della storia e di come questo tunnel sia rimasto, nonostante faccia parte da decenni del patrimonio dei beni architettonici protetti, una “Dornröschen” bella addormentata, come amano dire i tedeschi.

Una passeggiata sotterranea conduce l’esploratore attraverso la parte più antica del tunnel, operativa dal 1897, per proseguire poi nella sezione successiva, più spaziosa e “moderna” completata nel 1910.

Durante la Prima Guerra Mondiale il tunnel è adoperato per la produzione di munizioni, mentre durante la Seconda come rifugio antiaereo per i dipendenti della fabbrica. La sede della AEG a Wedding chiude nel 1984.

Prima che gli edifici fosse vincolati al patrimonio architettonico, un investitore ha rimosso quasi tutti gli edifici per la costruzione di un palazzo, i restanti edifici industriali messi in salvo dal vincolo, ospitano un centro di start-up e un parco tecnologico. La struttura sotterranea era parzialmente sommersa dall’acqua, quando nel 2016 l’associazione Berlin Unterwelten, con il sostegno del proprietario GSG, ha ripristinato il passaggio e riportato alla luce lo storico tracciato.

Una delle tante location della famosa serie “Babylon Berlin” basata sui libri di Volker Kutscher, le cui trame spaziano dal 1929 al 1934.

Berlin Unterwelten, è un’associazione fondata con lo scopo di  esplorare e documentare l’architettura sotterranea della città, al fine di renderla fruibile al pubblico. Formata da operatori molto preparati, con l’interesse comune per i diversi aspetti degli ambienti ipogei. Le attività proposte spaziano dai gruppi di ricerca veri e propri, all’organizzazione di eventi culturali: visite guidate in primis, mostre, seminari e conferenze.

I percorsi includono rifugi antiaerei, tunnel della metropolitana inutilizzati, fabbriche abbandonate e luoghi normalmente non agibili al pubblico. Di tutti questi siti si mira a conservare le strutture sotterranee di rilevanza storica, e a preservarle per le future generazioni.

Ricerche e foto a cura di @Z. Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer.

Per prenotare un tour con Berlino Explorer scrivere a: berlinoexplorer@gmail.com
Per entrare nella Community di Explorer qui il link diretto per iscriversi alla Newsletter
Idea regalo: Buono per un Tour alla scoperta degli angoli nascosti di Berlino.

La foto è stata scattata in occasione di una mostra nel Fichtbunker.

Berlin Unterwelten

No Comments

Post A Comment